Ritrovato ordigno bellico, a pochi passi dal bagnasciuga della spiaggia dei pescatori di Arma di Taggia un proiettile da mortaio “da 81” risalente al secondo conflitto mondiale. Il residuato bellico è stato rinvenuto di fronte alla spiaggia comunale antistante p.zzale Chierotti del Comune di Arma di Taggia, nel corso delle operazioni di bonifica promosse dal Comune di Arma di Taggia, sotto l’egida della Prefettura di Imperia e la collaborazione della Guardia Costiera.

Immediato l’intervento degli uomini della Guardia Costiera che, hanno provveduto ad avviare tramite la Prefettura di Imperia, le procedure per la bonifica del pericoloso residuato bellico.

Nella giornata di ieri, su disposizione della Prefettura di Imperia, sono intervenuti gli artificieri del Nucleo SDAI del Gruppo Operativo Subacquei della Marina Militare del COMSUBIN di La Spezia, e gli uomini del Comandante Fronte dell’ Ufficio Circondariale Marittimo di Sanremo e della Delegazione di Spiaggia di Arma di Taggia.

Alle 11.00 di ieri gli artificieri, intervenendo via terra e via mare, supportati dal personale della Guardia Costiera di Sanremo ed Arma di Taggia, hanno messo in sicurezza l’area provvedendo all’immediata rimozione degli ordigni e loro messa in sicurezza in vista del prossimo brillamento.

Leggi anche:  Brucia un'auto nella notte a Taggia, le fiamme provocato un black out

Alle prime luci dell’alba di oggi a largo della costa taggiasca, ad una distanza di 2.5 miglia dalla costa, in direzione sud, gli artificieri accompagnati dalla motovedetta della Guardia Costiera ognitempo CP SAR 864 e dal battello costiero GC 094, hanno provveduto al brillamento in sicurezza dell’ordigno.

Per assicurare la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare l’area è stata interdetta a qualunque attività dalle 08.00 alle 10.00, con Ordinanza 59/2017 del Capo del Circondario Marittimo di Sanremo, e pattugliata dalla motovedetta classe 800, CP 864 della Guardia Costiera di Sanremo.

Con l’occasione si ricorda a tutta la popolazione, Che a tutela della pubblica incolumità, laddove dovessero essere rinvenuti in mare, in spiaggia o nelle vicinanze altri presunti ordigni o simili, questi non dovranno essere toccati e si dovrà darne immediata notizia alla Guardia Costiera ed alle forze di pubblica sicurezza.

IL VIDEO DEL BRILLAMENTO